Home / C.C. Matera / C.C. MATERA – Prevenzione rischio suicidiario ed autolesionistico – Protocollo operativo

C.C. MATERA – Prevenzione rischio suicidiario ed autolesionistico – Protocollo operativo

Pervengono numerose lamentele e preoccupazioni da parte del personale tutto dopo la visione dell’ordine di servizio n. 6 del 12 Febbraio 2019 avente ad oggetto il protocollo operativo sopra scritto.

Il tema in oggetto pur trattando argomenti delicati ed importantissimi quali la prevenzione dei suicidi e dei gesti autolesivi dei detenuti; in tale “protocollo operativo” a parere dello scrivente e di buona parte del Personale della Casa Circondariale di Matera la Direzione ignora, o non ha ben calibrato le ripercussioni in carichi di lavoro che graverebbero sul personale di Polizia Penitenziaria non appena si attiverebbe pienamente tale protocollo.
Si puntualizza altresì che l’argomento in oggetto non è materia prettamente sindacale, ma le ripercussioni in termini di carichi di lavoro che tale ordine di servizio caricherebbe sul personale di Polizia Penitenziaria, si, è l’argomento spiccatamente sindacale.
In tale ordine di servizio, vengono tra l’altro, prescritti controlli periodici da parte del personale di Polizia Penitenziaria:
– nella gestione delle situazioni di “rischio medio” con regime di “grande sorveglianza” con una cadenza di 25 minuti;
– nella gestione delle situazioni di “rischio alto” con regime di “grandissima sorveglianza” con una cadenza di 15 minuti;
oltre ad altri controlli e bonifiche su oggetti potenzialmente pericolosi che andrebbero ritirati e consegnati dal personale di Polizia Penitenziaria solo al bisogno.
Orbene, la scrivente O.S. si domanda se redigendo tale dispositivo la Direzione abbia quantomeno calcolato che peso avrebbero tali controlli in termini di ulteriori mansioni da svolgere da parte degli addetti alla vigilanza ed osservazione dei reparti detentivi, e se, soprattutto in turni ove i livelli di sicurezza siano già ai minimi tali prescrizioni siano attuabili o meno (turni notturni o serali), dato che quotidianamente si opera solo ai livelli minimi di sicurezza.

Altresì all’attualità i provvedimenti di Grandi Sorveglianza attive per vari motivi presso la Casa Circondariale di Matera sono n. 21 dislocati tra i vari reparti; a questi si andrebbero ad aggiungere i nuovi ed eventuali provvedimenti di Grande o Grandissima sorveglianza per rischio suicidiario. Alla luce di quanto sopra esposto si richiede di verificare accuratamente i carichi di lavoro per poi convocare le OO. SS. e discuterne. Nel frattempo si richiede di ritirare tale ordine di servizio per poi valutare un’eventuale rimodulazione, soprattutto nelle tempistiche di tali controlli con una eventuale revisione di tutte le tabelle di consegna dei reparti detentivi ed una revisione dell’ordine di servizio relativo i livelli minimi e massimi di sicurezza

IL SEGRETARIO PROVINCIALE
f.to Carlo ABBATANGELO

Scarica il Documento SCARICA IL PROTOCOLLO RISCHIO SUICIDARIO

di Segreteria

Controlla anche

C.C. MATERA – 21.03.2016, SIGLATO IL PROTOCOLLO D’INTESA LOCALE TRA L’AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA E LE OO.SS. DEL COMPARTO SICUREZZA.

COMUNICATO  “RES NON VERBA” ….FATTI NON PAROLE… IL  P.I.L. PRESSO LA CASA CIRCONDARIALE DI MATERA è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente alcuni servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazioneAbilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una migliore esperienza di navigazione. Cookie policy